Pubblicato il: 4 Gennaio 2023

Lettera di inizio anno

No cari miei non sono scappato imbarcandomi su un cargo battente bandiera liberiana per sfuggire alle abbuffate delle feste, ne tantomeno mi sono nascosto in un eremo a espiare con casta devozione i mille peccati di cui invece ben mi vanto. Il vostro narratore era semplicemente in pausa relax in terra veneta a farsi coccolare da acque termali, spritz e ville palladiane. In fondo una vacanza è ciò che meglio può ritemprare corpo e spirito prima di una nuova stagione di pedalate con il nostro tandem.
Inizio l’anno nella maniera più giusta e più consona quindi al ruolo che mi compete, condividendo con voi una lettera di intenti e di promesse per questo anno appena iniziato:

Caro 2023,
il tuo predecessore è stato un vero osso duro (non che il 2020 e il 2021 si siano comportati meglio) quindi in te confido: abbi un po’ di pietà e un occhio buono per questi poveri operatori turistici. Ho già evitato di ascoltare Paolo Fox perché sentire dire che sarà l’anno del mio segno mi porta a fare gesti apotropaici e uso il parolone perché non sarebbe bello ne elegante scrivere che parte del corpo viene naturale toccare.

Donaci la pazienza di ascoltare le pretese più assurde, soprattutto la mattina quando ti chiedono un caffè d’orzo ristretto servito in tazza di vetro grande che non sia troppo caldo ne troppo freddo con latte di soia, macchiato ma con solo un po’ di schiuma. Perché, al bar, la mattina, dopo queste richieste anche il barista più tenero inscena nella sua mente i più efferati delitti.
Regala ai clienti la consapevolezza dell’età, ricordando loro che i figli a 16 anni non sono più bambini che dormono nel letto coi genitori (e qui Freud ne avrebbe di cose da dire….), e cancella dalle loro facce le espressioni di sorpresa quando si accorgono che la prole è così cresciuta nel frattempo.

Mantieni l’allegria che si respira ad Up Hotel, nei corridoi tra le opere appese, dove ci si può immergere in esperienze artistiche di esposizioni che modificano durante il corso dell’anno per regalare nuovi sentimenti e nuove visioni. Up Hotel è un hotel che muta, in cambiamento, vivo. Mantieni in noi questa freschezza che piace tanto.
Continua a diffondere per la nostra hall i profumi delle colazioni XXL aperte fino le 11,30 che si mischiano alle risate dei nostri clienti e che regalano i risvegli belli.
Porta un po’ di “S” Romagnola in tutti i cuori felliniani che vengono a visitare Rimini e che scelgono Up Hotel.Riporta a Rimini i nostri vecchi ospiti che ci leggono e conserva per loro le stanze che preferiscono: dalla basic per un soggiorno veloce ma piacevolmente bello alla Junior suite con due ambienti per i più esigenti. E visto che ci sei, dona un po’ di tranquillità anche ad Alexa: nella nostra Up Room con i comandi vocali lei ne deve sentire parecchie e continuamente: Alexa accendi le luci, Alexa apri le finestre, Alexa metti su una po’ di musica…. Fa che non si spazienti.
Ma soprattutto mantieni in noi il desiderio di avere un sorriso ed una parola di accoglienza per tutti quelli ospiti nuovi che, entrando in Up Hotel, diventano per noi l’occasione unica, impagabile e meravigliosa di diventare amici.

Buon anno a tutti
Il vostro caro, modesto e indubbiamente bello direttore preferito.

 

PRENOTA ORA

Leave a comment

Your email address will not be published. Mandatory fields are marked with *

*